Archivio mensile:novembre 2012

Intervista

Ecco un intervista che mi hanno fatto quelli di Inchiostro diVerso. E’ un modo per conoscere un pò di più me, ed il libro che sta per uscire. Dateci un occhiata e commentate, se volete. E’ un forum pieno di cose interessanti, quindi vale la pena di essere visitato.

Un grazie particolare a Miss Loryn, per le domande.

INTERVISTA A EMANUELE VELLUTI (Inchiostro diVerso Forum)

Ricordo che ci sono ancora le copertine da votare, su facebook. Per ora sta vincendo la seconda, cliccate “mi piace” su quella che preferite!

Annunci

Vota la copertina sulla pagina facebook!

Sceglia la copertina che preferisci e questa verrà scelte per l’ebook!

http://www.facebook.com/leombredelladea

Teaser Booktrailer

Ed ecco il teaser del booktrailer del libro!
Dateci un occhiata. (un grazie a http://valentinareale.wordpress.com/ per avermi aiutato a realizzare il video)

Link

Se volete potete seguirmi anche sulla pagina facebook:

LE OMBRE DELLA DEA

Presto posterò diverse copertine per questo primo libro della serie, e sarei felice se foste voi a scegliere la più adatta…STAY TUNED

Scrivo…

Scrivo cercando una connessione con il mondo che non c’è, usando la fantasia per spingermi oltre il velo ingrigito della realtà.
Quando ero piccolo giocavo immaginando storie e racconti, essi vibravano così forte in me da percepirne il richiamo ancora adesso.
Oggi cammino tenendo per mano il bambino che sono stato, lasciando che mi accompagni in quegli universi sconosciuti, visibili solo con i suoi occhi.
Ne assorbo l’essenza, vivo le sue emozioni e attendo che la storia si manifesti.
Quando la sua anima vibra io inizio a scrivere, riportando su di un foglio digitale ciò che la fantasia ha creato.
Le parole scalpitano nella mente una volta stabilito il contatto.
Creo mondi, storie e personaggi, assaggiandone ogni emozione. Cercando in questo mondo virtuale, il lettore che entri in risonanza con le vibrazioni che si espandono tra le mie pagine.

Tentando di risvegliare la magia: strumento che da bambini ci obbligarono a chiamare fantasia…

Emanuele Velluti