La pirateria (senza scopo di lucro) Arrr!

Ho voglia di fare una riflessione sul tema della pirateria digitale (SENZA SCOPO DI LUCRO).
Partendo dal presupposto che non esiste soluzione al problema, l’unica strada è cercare di fare un ragionamento, mentre è palesemente sbagliato demonizzare il tema.
Tra autori è sicuramente un discorso che divide, ma senza entrare nel merito di chi ha ragione volevo esporre i miei pensieri in proposito.
Prima di tutto c’è da fare una premessa: dire che chi scarica illegalmente è un LADRO, è una gigantesca cazzata.
E’ un po’ come dire che chi sfragna na zanzara sur muro è n’assassino.
Questo perché se io scarico un cd illegalmente da internet, non faccio un danno a nessuno, perché è molto probabile che io quel cd non lo comprerei mai. Mentre se vado in un negozio a rubarlo, quindi trattasi di oggetto fisico, arrecherei danno al negozio e chi ha materialmente stampato il disco etc.
Fino a qui mi sembra una differenza logica e sostanziale.
Andiamo avanti.
E’ sacrosanto che venga riconosciuto il lavoro di chi produce materiale di intrattenimento o divulgazione culturale e artistica di qualsiasi genere (musica, film, videogiochi, libri, etc) e che quindi debba essere pagato, questo non è in discussione.
Di fatto però, la maggior parte delle persone scarica perché non può permettersi di comperare, ed anche se questa non è una giustificazione, va preso in considerazione che il contributo monetario di quelle persone non farebbe comunque parte degli introiti dell’ “artista”, anche senza pirateria.
Andrebbe invece sicuramente condannato chi rivende materiale pirata, perché di fatto sta vendendo qualcosa di proprietà di qualcun altro, guadagnando soldi che non gli spetterebbero.
La pirateria senza scopo di lucro, secondo me è qualcosa di positivo se si ha una visione aldilà del tempo.
Essa rientra nei miglioramenti che il progresso tecnologico e l’espandersi della connettività porta con sé.
E’ un discorso un po’ ampio, ma l’evoluzione di una società sana deve andare verso la direzione in cui qualsiasi contenuto artistico, culturale, ludico o di conoscenza, possa essere accessibile a chiunque gratuitamente.
E’ ciò che dovrebbe augurarsi chi si reputa un artista, perché lo scopo dell’arte stessa è la divulgazione della conoscenza e dell’emozionalità umana sotto ogni minimo aspetto.
Questo non vuol dire assolutamente lavorare gratis, ma magari essere supportati con donazioni di chi ammira le tue opere, così che anche un bacino minimo di “fans” possa tramutarsi in uno stipendio per l’”artista”.
Un autore non può considerare ciò che realizza, soltanto con l’ottica di avere in mano una merce da vendere.
L’arte, la cultura, la musica, e tutto ciò che ci eleva come esseri umani, non può essere ad esclusivo appannaggio di chi può permetterselo.
Io come scrittore vorrei continuare a rendere disponibili i miei libri gratuitamente, come ho già fatto con l’ebook de Le ombre della Dea 1, e guadagnare con chi apprezzando il mio lavoro deciderà di comprarsi il cartaceo. Questo probabilmente non mi farà avere delle buone entrate, sicuramente non subito, ma se quello che scrivo piace, chi vorrà leggere i miei libri lo farà gratuitamente e comprerà il cartaceo per supportare “l’autore”, contribuendo di propria volontà e direttamente al sostentamento dell’”artista”.
Questa non è a mio parere una visione utopica, ma solo la strada che ci riserverà il futuro.Senza titolo-1

Annunci

Informazioni su E.Velluti

Scrivo cercando una connessione con il mondo che non c’è, usando la fantasia per spingermi oltre il velo ingrigito della realtà. Quando ero piccolo giocavo immaginando storie e racconti, essi vibravano così forte in me da percepirne il richiamo ancora adesso. Oggi cammino tenendo per mano il bambino che sono stato, lasciando che mi accompagni in quegli universi sconosciuti, visibili solo con i suo i occhi. Ne assorbo l’essenza, vivo le sue emozioni e attendo che la storia si manifesti. Quando la sua anima vibra io inizio a scrivere, riportando su di un foglio digitale ciò che la fantasia ha creato. Le parole scalpitano nella mente una volta stabilito il contatto. Creo mondi, storie e personaggi, assaggiandone ogni emozione. Cercando in questo mondo virtuale, il lettore che entri in risonanza con le vibrazioni che si espandono tra le mie pagine. Tentando di risvegliare la magia: strumento che da bambini ci obbligarono a chiamare fantasia…

Pubblicato il ottobre 29, 2014 su Uncategorized. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: